l'art écrit.

[Art in frames]

Pupilla: sinossi e costumi di scena

pupilla-valeria-magli-foto-carla-cerati

Informazioni extra dall’intervista: Valeria Magli si racconta: una surreale ricerca anni ’80


Pupilla, 1983: opera teatrale di Valeria Magli, riallestita nel 2014 dal progetto Ric.Ci (Reconstruction Italian Contemporary Choreography). Opera ambientata nella casa di una donna che, dopo aver dato una grande festa, rimane da sola e va a riposarsi: qui lo spettacolo si articola in modo onirico, come nel mezzo di una sorta di meditazione sulla sua vita. Inizialmente appaiono due maschere con la stessa faccia della protagonista: sono due volti, uno ilare e uno triste, che insieme formano l’emblema del carattere femminile.
Così, la protagonista si rivede nella sua infanzia, rivivendo i momenti allegri e spensierati, che però si trasformano, passando per l’adolescenza, in giochi morbosi, prendendo sempre più coscienza di un mondo più buio. Si arriva quindi al presente: la sua vita, concentrata nella modernità, è rappresentata tramite la donna-macchina di Max Ernst (The Preparation of Bone Glue, Max Ernst, 1921). Appare successivamente l’immagine femminile ispirata alla bambola Die Puppe di Hans Bellmer, incarnando il tipo di donna che vive in modo assai disinibito la propria sessualità. E’ uno specchio di un puro percorso politico al femminile.

Nei costumi, Valeria Magli ha preso come riferimento una fotografia di Man Ray del 1924, raffigurante la Comtesse de Beaumont, con l’abito disegnato da Valentine Hugo. I coniugi de Beaumont erano due nobili che usavano dare feste a tema, invitando numerosi personaggi del mondo artistico e culturale di quegli anni (quali Breton, Aragon, Erik Satie). In molte altre foto si possono vedere questi Bal masqué tenuti dai de Beaumont, con abiti stravaganti, disegnati da nomi importanti degli anni ’20.



PHOTO CREDITS 

Valeria Magli, Pupilla, 1983. Ricostruzione spettacolo: Progetto Ric.Ci, (Reconstruction Italian Contemporary Choreography)  2014, con Dancehaus Company agon.news 

Max Ernst, The Preparation of Bone Glue, 1921, Pinterest

Valeria Magli, Pupilla, 1983. Progetto Ric.ci, 2014, con Dancehaus Company. Foto © Alberto Calcinai, Torino Danza Festival
Pinterest
Danza Effebi

Man Ray, La comtesse de Beaumont avec aux mains des marionettes en forme de tetes imaginées, 1924. Costume: Collection H. de Beaumont, Valentine Hugo, fawnvelveteen.tumblr.comValeria Magli,

Valeria Magli, Pupilla, 1983. dal Catalogo Pupilla, Valeria Magli 1983>2014. Ric.Ci © Fondazione Milano Scuole Civiche, 2014

Pupilla, 1983. Ricostruzione spettacolo Progetto Ric.ci, 2014, con Dancehaus Company Pinterest

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *